Organigramma della CCIK

Come è nata la Camera di Commercio italo kazaka:

L’Associazione Italia-Kazakhstan nasce nel 1996 a Milano, in seguito agli inviti rivolti all’Eni dall’Ambasciata kazaka in Italia e dallo stesso Presidente del Kazakhstan, Nursultan Nazarbayev.

I Soci fondatori sono tra le principali aziende del settore petrolifero italiano, associazioni d’impresa e l’Ambasciata del Kazakhstan a Roma. Tra i firmatari va ricordato il Presidente onorario dell’Associazione, ing. Guglielmo Moscato, già presidente di Agip.
L’Associazione ha sempre avuto carattere apolitico senza scopo di lucro e, come obiettivo fondamentale, la promozione e lo sviluppo dei rapporti economici, culturali e sociali fra Kazakhstan e Italia.

L’Associazione viene spesso considerata come un’importante cassa di risonanza kazaka in Italia.

Il Presidente Nursultan Nazarbayev, nelle sue Visite Ufficiali in Italia nel 1998, 2003 e nel 2009, ha sottolineato l’importanza dell’attività dell’Associazione esprimendo il suo apprezzamento.
Nel corso degli ultimi anni si é diversificata ed accelerata l’attività istituzionale rivolta al settore industriale “non oil”.
Le aree di maggiore interesse di Aik corrispondono ai 7 cluster individuati dal Governo kazako per la politica di sviluppo economico individuata per il Paese: Oil & Gas, Materiali da costruzione, Industria agroalimentare, Metallurgia e Metalmeccanica, Industria Tessile, Turismo, Logistica e Trasporti.
È ormai evidente come importanti e diversi settori dell’establishment kazako contino sull’Associazione Italia-Kazakhstan non solamente per una fattiva collaborazione mirata allo sviluppo dei rapporti economici e culturali reciproci, ma anche per una migliore diffusione in Italia della conoscenza del loro Paese.